Scamacca: il sogno di tornare in serie A

Scamacca: il sogno di tornare in serie A. Intervistato da "La Gazzetta dello Sport", l'attaccante del West Ham e della nazionale azzurra, parla del possibile ritorno in Serie A e della sua squadra del cuore

Articolo scritto da: Redazione F.C.
Jul 12, 2023 - 10:40
Jul 12, 2023 - 10:54
Scamacca: il sogno di tornare in serie A

Intervistato da Filippo Cornacchia per "La Gazzetta dello Sport", Gianluca Scamacca, attaccante del West Ham e della nazionale azzurra, parla del possibile ritorno in Serie A, e della sua squadra del cuore.

"Sapete quali sono i due colori del mio cuore. Ma adesso sono un giocatore del West Ham e, nonostante tutte le voci, anche qui mi trovo bene. Per me Roma è casa. E Totti, l’idolo da bambino. E quale giocatore al mondo non sognerebbe di essere allenato da Mourinho? Sono convinto che Mou mi stimolerebbe e con lui migliorerei ancora".

Il giocatore ha raccontato: "Lunedì abbiamo fatto una amichevole e ho giocato 45 minuti. È stato il primo spezzone in campo dopo tre mesi di inattività e l’intervento al menisco". "È stato fantastico tornare in campo e ho avvertito ottime sensazioni. Per l’inizio del campionato sarò al top della forma. Dopo i problemi fisici dell’ultima stagione, sono in credito con la fortuna. Se starò bene - e sono convinto che sarà così -, 20 gol li segno. Sto lavorando molto e durante le vacanze in Sardegna ho svolto tutti i giorni doppi allenamenti. Ho visto più la palestra e il campo che il mare o la spiaggia".

E su Frattesi: ha fatto bene a scegliere l’Inter avendo la possibilità di giocare in una big italiana. "Io non l’ho avuta, questa chance, perché c’erano meno soldi la scorsa estate…. Poi io sono più aperto di Davide come mentalità. E sono soddisfatto così: la Premier è l’Nba del calcio".

Grande la nostalgia dell’Italia? Scamacca confessa di averla sempre avuta e di averla ancora. "Però se dovessi tornare in Serie A, non sarebbe perché ho fallito in Inghilterra, che non è così. Semplicemente perché si tratterebbe di una opportunità irrinunciabile. No, non sarebbe nemmeno un passo indietro per la mia carriera: il nostro campionato resta uno dei migliori".

Alla domanda se gli piacerebbe di più sfidare il suo amico Frattesi nel derby Inter-Milan, nel derby d’Italia Inter-Juventus o con la Roma, il giocator enon ha dubbi: "Ho sempre ragionato con il cuore e continuerò a farlo anche in futuro. E sapete quali sono i due colori del mio cuore. Ma adesso sono un giocatore del West Ham e, nonostante tutte le voci, anche qui mi trovo bene"