Doccia fredda per Agnelli: la decisione è una vera beffa

Un’altra beffa per l’ex numero uno della Juventus Andrea Agnelli. Doccia fredda per la decisione presa nei confronti dell’ex presidente Non c’è pace per Andrea Agnelli che prosegue le sue problematiche personali con la giustizia. L’ex presidente della Juventus infatti a differenza di altri colleghi e non, aveva rinunciato alla possibilità di patteggiamento consapevole dei ... Leggi tutto L'articolo Doccia fredda per Agnelli: la decisione è una vera beffa proviene da SpazioJ.

Jan 19, 2024 - 22:50
Jan 20, 2024 - 09:49
Doccia fredda per Agnelli: la decisione è una vera beffa

Un’altra beffa per l’ex numero uno della Juventus Andrea Agnelli. Doccia fredda per la decisione presa nei confronti dell’ex presidente

Non c’è pace per Andrea Agnelli che prosegue le sue problematiche personali con la giustizia. L’ex presidente della Juventus infatti a differenza di altri colleghi e non, aveva rinunciato alla possibilità di patteggiamento consapevole dei propri mezzi e delle proprie azioni.

Addirittura l’ex numero uno bianconero aveva richiesto che la pena venisse ridotta, auspicando in una assunzione, forte e certo delle sue azioni, ma così non è stato.

Che beffa per Agnelli: ricorso respinto

Secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera il collegio di garanzia del CONI non ha accettato la richiesta di Andrea Agnelli. Dunque ricorso negato all’ex presidente della Vecchia Signora per il caso “manovre stipendi”.

che beffa per agnelli
Andrea Agnelli Ansa Spazioj

Originariamente l’ex numero uno bianconero, ha voluto restare sui propri passi della vicenda, decidendo di non patteggiare come fatto da altri suoi colleghi del club. Per tanto c’è stata la punizione, e dunque la condanna in primo grado a 16 mesi di inibizione con tanto di ammenda di sessanta mila euro. Sanzione poco dopo ridotta, da sedici a 10 mesi di inibizione, con ben quaranta mila euro di multa.

Come detto però una scelta non condivisa da Agnelli che ha voluto continuare a provar la propria lealtà richiedendo un ricorso proprio per evitare la pena. Una scelta però che non gli è stata concessa dal collegio di garanzia che ha ritenuto il quesito “in parte infondato ed in parte inammissibile”. Dunque questa sembrerebbe esser la posizione definitiva presa da Ugo Taucer, procuratore generale dello sport, contro l’ex presidente della Juventus.

“La memoria presentata dalla Figc è per noi condivisibile, dunque la nostra posizione è di ritenere il respingimento del ricorso”. Queste le parole rilasciate dal procuratore in merito alla vicenda e alla posizione presa contro Andrea Agnelli.

Chiaramente c’è stata la risposta del difensore legale dell’ex presidente, a quanto riportato da Taucer: “Come può una pronuncia affermare una violazione tecnico-contabile senza i dovuti accertamenti? Non c’è stata da parte della Procura federale, del tribunale e della corte”. 

A cui è seguita la risposta di Giancarlo Viglione, avvocato della Figc: “Corte d’appello fonda la decisione su elementi fattuali. Inoltre il ricorso mosso è secondo noi inammissibile. Gli altri soggetti cosa fanno? Patteggiano, è evidente che non devo ricordare a nessuno che il patteggiamento non è una condanna. Ma resta comunque un fatto significativo”. Un chiaro riferimento al fatto che la decisione presa da Agnelli resta abbastanza forte e credibile.

L'articolo Doccia fredda per Agnelli: la decisione è una vera beffa proviene da SpazioJ.